venerdì 28 ottobre 2016

Rubricando: Halloween in cucina con la vostra Jane!

Bentornati cari lettori! 
Come molti di voi sapranno, io ho una grande passione per la cucina, quindi come non potevo non approfittarne?! Sono qui oggi per proporvi tre ricette, di diversa difficoltà, per dare alla vostra cena di Halloween quel qualcosina in più! Non so voi, ma io durante le feste adoro preparare pranzi e cene a tema! Il mio periodo preferito è proprio Halloween in quando ci si può sbizzarrire in tutti i modi possibili. Io ovviamente vi metto solo tre ricette non elaboratissime, ma vi assicuro che fanno la loro figura! Quindi bando alla ciance e ai fornelli mie cari!!!

MUMMIE DI WURSTEL

Ingredienti:
12 wurstel piccoli 
1 tuorlo d'uovo
1 cucchiaio di latte intero
Semi di papavero 
1 rotolo di pasta sfoglia


Prendete il rotolo di pasta sfoglia e tagliatene 12 strisce larghe circa un centimetro. Avvolgete ogni wurstel con una striscia di pasta sfoglia, arrotolandola intorno con un movimento a spirale; lasciate scoperta l'ultima parte del wurstel, che fungerà da viso della mummia. Quando tutti i wurstel saranno ben mummificati, disponeteli su un teglia ricoperta di carta da forno. In una ciotolina sbattete con una forchetta il tuorlo d'uovo, aggiungete il latte e con il composto ottenuto spennellate le vostre mummie. Cuocete tutto in forno preriscaldato a 180 gradi per circa quaranta minuti; una volta cotte lasciatele raffreddare. Per realizzare gli occhi realizzate due piccoli fori nella parte del viso e aggiungete i semi di papavero. Et voilà, le vostre mummie sono pronte e spaventose! Io leho realizzate l'hanno scorso per la prima volta e devo dire che sono veramente semplicissimi da realizzare... io al posto dei semi di papavero avevo semplicemente fatto due puntini con la maionese ed erano venuti veramente bene!!!


RISOTTO ALLA ZUCCA.

Ingredienti:
320 gr di riso carnaroli 
600 gr di zucca
100 gr di cipolla
1,5 l di brodo vegetale
50 g di burro



Veniamo ad una ricetta un pochino più "difficile". Premetto che l'ho realizzata per la prima volta l'altro giorno e che ho preso sputo da GialloZafferano; il risultato è stato veramente ottimo e sono rimasta stra-soddisfatta! Ma veniamo ora alla preparazione! Per prima cosa bisogna preparare un brodo vegetale a parte che ci servirà poi in seguito per la cottura del riso, io per esempio per essere più veloce ho usato il dado vegetale, ma ovviamente non verrà mai buono come quello fatto in casa, quindi se avete tempo preparatelo nella maniera tradizionale. Prendete poi la zucca e dopo averla pulita, tagliatela a dadini. Tritate finemente la cipolla e fatela soffriggere per almeno 10 minuti buoni; aggiungere poi la zucca facendola rosolare. Aggiungere ora il brodo, facendo cuocere la zucca per 20 minuti, fino a che non diventerà tenera. Se non vi viene cremosa, come è successo a me  ( mi è rimasta abbastanza a pezzetti ...)  realizzate una vellutata servendovi di un frullatore ad immersione. Prendete un'altra padella e tostare bene il riso, facendo attenzione a non bruciarlo ( non ci vorrano più di 3 minuti). Sfumate quindi con il vino bianco e mescolate immediatamente per non far attaccare; appena il vino sarà completamente evaporato versate il riso nel tegame con la zucca. Mi raccomando amalgamate bene ed evitate che il riso si attacchi; appena il riso inizia ad asciugarsi aggiungete subito un mestolo di brodo ben caldo e proseguite così finchè il riso non sarà completamente cotto. Alla fine aggiungete sale e pepe a piacere, mantecate con un pochino di burro e aggiungete il parmigiano. Per rendere più creativa la presentazione del piatto potete servire il vostro risotto in una zucca precedentemente pulita ed essiccata! L'effetto wow sarà garantito.


FANTASMI DI MERINGA

Ingredienti:
3 Albumi
200 Gr Zucchero A Velo Vanigliato
1 Pizzico Di Sale
Zuccherini O Gocce Di Cioccolato (Per Gli Occhi Dei Fantasmi)


Bene bene siamo giunti alla terza e ultima ricetta! Attenzione, sebbene questa ricetta vi possa sembrare molto semplice, vi assicuro che le meringhe sono molto insidiose! Per prima cosa bisogna montare a neve fermissima gli albumi con un pizzico di sale. Successivamente si deve incorporare pian piano e con molta delicatezza lo zucchero a velo. La maggior parte delle ricette consiglia di mescolare delicatamente dal basso verso l’alto per incorporare quanta più aria possibile fino a quando la meringa non diventerà gonfia e spumosa. Versate poi il composto in una sac a poche munita di bocchetta media e liscia. Stendete un foglio di carta forno in una teglia e fate dei piccoli ciuffetti per formare dei fantasmi. Inserite gli zuccherini o le gocce di cioccolato per gli occhi e infine infornate in forno preriscaldato a 90°C per circa 1 ora e mezza. Mi raccomando controllate la cottura delle meringhe! Non devono assolutamente prendere colore o l'effetto fantasmino sarà rovinato! Finita la cottura spegnete il forno e lasciate raffreddare le meringhe al suo interno per 2 ore, lasciandolo leggermente socchiuso.

Allora cari lettori? Vi sono piaciute le ricette?! Io spero tanto di si, e non vedo l'ora di scoprire cosa cucinerete voi la sera di Halloween! Quindi mi raccomando lasciatemi un commentino qua sotto per raccontarmi la vostra cena da Brividi!!!

Jane

martedì 25 ottobre 2016

Recensione "Love. Un nuovo destino" di L.A. Casey, ovvero il libro più brutto che abbia mai letto!

Buon pomeriggio miei cari!
Oggi vi parlo del libro più brutto che abbia mai letto!


 
 
TRAMA
 
Dopo aver perso i genitori in un incidente d’auto, Bronagh Murphy ha deciso di tenersi a distanza dalle persone, per non dovere soffrire più in futuro. Non ha amicizie, parla poco con gli altri e gli altri la lasciano stare, proprio come lei desidera. Almeno fino a quando Dominic Slater non entra nella sua vita. Abituato a essere sempre al centro dell’attenzione e ad avere gli occhi di tutti addosso, Dominic non può accettare di essere ignorato. Eppure, a quanto pare, la brunetta dalla lingua tagliente non lo degna di uno sguardo, e questo lo fa impazzire. Tanto che quella ragazza solitaria diventa una vera e propria ossessione, ma l’unico modo per arrivare a lei è trascinarla fuori dall’angolo in cui lei stessa si è infilata…
 
RECENSIONE
 
 

Uff... Non so neanche da dove partire per parlare di questo libro così brutto! L.A. Casey ha superato persino Tara Sue Me che era tra le peggiori scrittrici in circolazione, a mio parere (ecco la RECENSIONE del libro in questione)!
Partiamo dai personaggi, suvvia!
Il protagonista maschile è Dominic Slater, il più piccolo (insieme al gemello) dei cinque fratelli Slater! Dominic è l'uomo che (spero) nessuna donna vorrebbe mai avere al proprio fianco (tranne quella scema di Bronagh, ma ci arriveremo); è sboccato, maleducato, volgare, pervertito e perverso, uno stalker, violento, possessivo, sessista... Non ha neanche una qualità; ragazzi io sono rimasta inorridita, NON HA NESSUNA QUALITA'! è il tipo di ragazzo che tratta le donne come fossero oggetti: le insulta, le tocca, dà loro appellativi che è meglio non ripetere, le fa piangere, pretende che siano sue! Qua siamo ai massimi livelli del sessismo e del maschilismo. La donna è vista come un oggetto!
Bronagh (che razza di nome è?) è la protagonista femminile ed è insopportabile! Anzitutto è la perfetta donna-oggetto di Dominic. Si fa trattare malissimo e le piace! è violenta, maleducata e sboccata, le uniche parole che conosce sono parolacce, ma questo un po' tutti i personaggi di questo libro!
Io vorrei chiedere ad L.A. Casey: dove sono finite la gentilezza, la finezza, l'educazione, l'eleganza?? Cioè, ho letto più parolacce in questo libro di quante ne abbia mai sentite in vita mia... In una frase ne ho contate addirittura SEI! Ma si può?
E il romanticismo??? Questo sconosciuto!
Lo stile dell'autrice è pessimo! Non sa scrivere. A livello stilistico è proprio brutta la sua scrittura. Volgare come mai niente prima d'ora; Infantile in una maniera surreale. Contraddittorio. Le scene erotiche sembrano dei porno fatti male, ma si può leggere "clitoridino"?? Ma veramente? E questo è solo un misero esempio! Leggete questa scena...
 
 
Gemetti. "Come faccio a non sentirmi in imbarazzo? Tu... Quello che m hai fatto... E poi hai... hai...".
"Leccato via il tuo orgasmo dalle mie dita? Sì, l'ho fatto e quindi? Era buonissimo e non vedo l'ora di assaggiarlo di nuovo".
Oh, Dio!
"Dominic!" ansimai. "Non dirmi queste cose, non ho mai fatto niente del genere..." [...]
"Piccola, devi prendere fiato e calmarti. E' una cosa naturale, hai avuto un orgasmo, un orgasmo che ti ho procurato io. Che cazzo sarà mai, ti ha fatta sentire benissimo, quindi perché vergognarsi? Sono il tuo ragazzo, servo proprio a questo. Praticamente solo a questo".
 
 
 
COSA????? Ma ci rendiamo conto?? Ed è sempre peggio!
E che dire della storia d'amore?? Non esiste! Non aspettatevi di leggere una storia d'amore perché non c'è! non è amore quello che trovate in questo libro!
L.A. Casey fa talmente schifo a scrivere che ha dovuto COPIARE da Colleen Hoover il "I live you" e successiva spiegazione del perché live e non love! Questo perché non è riuscita ad inventarsi niente di suo, niente di originale. Ha copiato una scena romantica e commovente e l'ha inserita in un libro che è pura spazzatura! Io. Sono. Sconvolta.
Vi giuro che io non ho mai letto un libro peggiore! Spero solo che le ragazzine di oggi non sognino un uomo come Dominic né una storia d'amore come questa perché vorrebbe dire che il mondo sta veramente cadendo a pezzi.
L'unico consiglio che posso darvi dopo questa recensione è quello di tenervi alla larga da L.A. Casey.
 
 
 
 
 
 
Il mio voto:
 
 
 
 
 
 
 
Voi lo avete letto? Che ne pensate???
 
 
 
 
 
*Ginny*

lunedì 24 ottobre 2016

Recensione "La piccola erboristeria di Montmartre" di Donatella Rizzati

Buongiorno cari lettori! Oggi voglio parlarvi di un libro davvero molto particolare che ho appena finito di leggere; si tratta di "La piccola erboristeria di Montmartre" di Donatella Rizzati!


 
 
TRAMA

Esiste un rimedio per il mal d'amore? Viola Consalvi, di professione naturopata, è impaziente di scoprirlo. Nonostante abbia poco più di trent'anni, la vita ha già colpito duro con lei, portandole via il marito. Così anche il suo lavoro in uno studio di medicina olistica ha smesso di interessarla, e quando tutto sembra sul punto di crollarle addosso capisce che la sola cosa da fare è tornare nella città che anni prima l'ha resa felice: Parigi, dove ha frequentato la scuola di naturopatia e dove, nascosto tra i tetti di Montmartre, c'è l'unico luogo in cui si senta davvero al sicuro, l'erboristeria delle sorelle Fleuret-Bourry. È in questo spazio magico, in cui il tempo sembra essersi fermato e le emozioni sono accolte e coccolate, stretta nell'abbraccio della saggia e materna Gisèle, che Viola comincia la sua nuova vita. In un curioso bistrot incontra il giovane Romain, un barista sbruffone e misterioso che, tra continui battibecchi e rappacificazioni, farà di tutto per portare al disgelo il cuore di Viola. Quando Gisèle chiede alla sua giovane collaboratrice di aiutarla a rilanciare il negozio, Viola ha un'intuizione geniale: offrire consulenze di iridologia, una disciplina antichissima e praticata dal suo ex marito, che, partendo dallo studio fisiologico degli occhi, indaga a fondo nell'individuo fino a svelarne la personalità. Così, sforzandosi di guardare gli altri, la timida e impacciata protagonista di questo romanzo riuscirà finalmente a far luce dentro se stessa e – tra tisane, cosmetici naturali, impacchi per massaggi utili a sprigionare l'energia vitale, rimedi a base di Fiori di Bach e oli essenziali – si avvicinerà sempre più alle risposte che cercava. L'amore è ancora possibile? Cosa nasconde Romain? È lui la persona giusta? Al suo esordio narrativo, Donatella Rizzati ha scritto una storia calda e dolce come una tisana, sapiente e rigenerante come un massaggio; una storia di donne che trovano il coraggio di dare ascolto ai sentimenti più autentici e di ricominciare da capo, con slancio e fiducia.
 
 
 
RECENSIONE
 
 
Ho iniziato a leggere questo libro dopo essere stata completamente rapita dalla magica copertina e dal titolo in cui compaiono due parole in grado di attirare subito la mia attenzione: Erboristeria e Montmartre. La prima perché lavorare con le erbe e preparare rimedi naturali sarà praticamente il mio lavoro dopo la laurea in farmacia (e non vi nascondo che fino ad ora Botanica è stata la materia che più mi ha affascinato); la seconda perché io AMO Parigi e trovo che sia una tra le città più romantiche del mondo, quindi non potevo farmi scappare una storia d'amore ambientata a Parigi, no?
E devo dire di aver scelto proprio bene quando ho comprato questo romanzo perché la storia che vi è narrata è molto più di una semplice love story

La protagonista è Viola, una naturopata che, dopo la morte del marito, trova rifugio e lavoro nell'erboristeria della carissima Gisèle, a Parigi! Ho adorato Viola perché è molto simile a me, le sue passioni e il suo modo di pensare e relazionarsi mi hanno fatto sentire particolarmente vicino a questo personaggio e mi ci sono immedesimata moltissimo! E che dire di Romain? Dolce e malizioso al punto giusto! Mi è piaciuto il suo essere un letterato e allo stesso tempo il proprietario di un bistrot, la Rizzati ha unito in lui due tra le cose che preferisco: la letteratura e il cibo! Tanti altri personaggi fanno da sfondo a questa storia; la dolce e premurosa Gisèle, la stravagante Camille, il tenero Jacques con il figlioletto Martin... E tanti altri bizzarri clienti dell'erboristeria.Tutti personaggi descritti alla perfezione nella loro unicità e diversità! Come dicevo prima, la storia d'amore è importante, ma non è il fulcro attorno al quale ruota tutto il romanzo. Il rapporto con i genitori occupa una buona parte della storia e mi è piaciuto tantissimo leggere di come questo rapporto che sembrava ormai perso, pian piano è stato salvato! Il lutto e il superamento di questo; la riscoperta di se stessi e la propria rinascita, l'amicizia; sono tutti temi affrontati, in questo romanzo, senza, però, sfociare nella banalità o nella pesantezza. Donatella Rizzati ci parla di tutto ciò con una maestria e con una semplicità unica che, credo, dovrebbero avere  molti più scrittori. Ovviamente non manca il lato ironico che può essere descritto con una sola parola: Romain (quello in foto per me è Romain).
 
E arriviamo, quindi, a quello che è il tema principale di questo romanzo: la medicina alternativa. E' un argomento di cui si parla veramente pochissimo, ma che andrebbe approfondito di più oggi giorno. Estremamente vasto e affascinante, spazia in tutti i campi possibili e immaginabili; Fiori di Bach, Naturopatia, Iridologia, Reiki, Chakra e chi più ne ha  più ne metta. Mi è estremamente piaciuto il modo in cui l'autrice ne parla. Non è troppo complicato, ma spiega per filo e per segno quello di cui tratta, in modo tale da far comprendere ogni cosa a tutti i lettori, anche a quelli
completamente ignoranti in materia. Devo ammettere che io su alcuni rimedi citati nel romanzo sono molto scettica, ma ne ho provati altri sulla mia pelle e su di me funzionano, ma non voglio addentrarmi in questo mondo vastissimo quindi mi limiterò a dire che Donatella Rizzati ha saputo parlare egregiamente di un argomento molto particolare che mette in disaccordo molte figure professionali e non solo. Ecco perché mi sento di consigliare questo romanzo solo a chi ha una mente abbastanza aperta! 

Lo stile dell'autrice è molto semplice, ma in grado di appassionare lettori di ogni età. Non è pomposo né accademico, però è chiaro e trasparente come l'acqua che la Rizzati scrive molto bene! La storia è in grado di catturare fin dalle prime pagine anche grazie alla presenza di colpi di scena inaspettati!
Ho per voi un unico avvertimento; a fine di alcuni capitoli troverete delle ricette per preparare rimedi naturali in casa... Ecco, prima di preparare una qualsiasi di queste cose informatevi bene perché molti di quei rimedi, secondo la legge italiana, possono essere preparati solo da un farmacista, neanche dall'erborista (i Fiori di Bach per esempio)! Quindi occhio, è molto bello leggere quelle ricette e non vedo l'ora di laurearmi per sperimentarle, però mi raccomando, stiamo attenti alla legge! 
 
Detto ciò, correte a leggere questo bellissimo romanzo perché non potrete non innamorarvi di Viola, Romain, Gisèle e della meravigliosa Parigi!
 
 
 
 Il mio voto:
 
 
 
 
 
 
Avete già letto "La piccola erboristeria di Montmartre"? Che ne pensate? Concordate con me? E se non lo avete fatto vi ho convinti almeno un po' a leggerlo?
 
 
 
 
 
 
 
*Ginny*

venerdì 21 ottobre 2016

Venite a scoprire "Forever"Di Cristina Boscà dal 27 Ottobre in libreria!!!


Ribelle e innocente insieme, un libro per vere principesse...



Genere: Romance

Prezzo ebook: 4,99 €
Prezzo cartaceo: 14,90 €
Data di uscita: 27 Ottobre 2016

Trama:


Robin è una speaker radio, ha una migliore amica fuori di testa di nome Rebe, una passione sfrenata per i social network e una vita sentimentale a dir poco caotica. Una mattina si sveglia con la sensazione che stia per accaderle qualcosa di speciale... Sta per intervistare Jesús e Daniel, i fratelli
che con la loro musica hanno conquistato migliaia di teenager, e qualcosa le dice che quell’incontro cambierà per sempre la sua vita. Ancora non sa che di lì a poco li accompagnerà in tour e inizierà a provare qualcosa di più di un semplice interesse per uno di loro... Ma si può amare qualcuno nonostante la differenza d’età? Baby è un’adolescente con due passioni: la musica e la danza. Per questo, insieme alla sua amica Laura, ha saltato le lezioni per assistere a un programma radiofonico e vedere da vicino i loro idoli, Dani e Jesús. Non può ancora immaginare che la sua vita subirà una svolta quando saranno scelte dai Gemeliers come ospiti per un concerto riservato alla stampa...

Amori, amicizie, tradimenti. Un’avventura indimenticabile, la prima fan fiction autorizzata dai protagonisti.

Che ne dite lettori? Pensate di ascquistarlo? Io sono un pochino dubbiosa... Fatemi sapere cosa ne pensate con un commento qua sotto!!!

Jane

Susan Elisabeth Phillips torna alla carica con un nuovo emozionante romanzo "La grande fuga"! Non perdetevelo!!!


Verso dove si fugge quando la vita va in pezzi?



Genere: Romance
Casa editrice: Leggereditore
Pagine: 432
Prezzo ebook: 6,99€
Prezzo cartaceo: 14,90€
Data di uscita: 27 ottobre 2916


Trama:


La madre di Lucy Jorik è tra le donne più famose al mondo. Per questo Lucy è abituata a tenere un comportamento che non metta mai in imbarazzo la sua famiglia... Almeno fino al giorno in cui la combina davvero grossa. Invece di dire “sì” all’uomo più perfetto che abbia mai conosciuto, fugge dall’altare e salta in sella a una moto sgangherata guidata da uno sconosciuto dall’aspetto rude che non potrebbe essere più estraneo alla sua esistenza privilegiata. Nella casa di lui, su un’isola dei Grandi Laghi lontana anni luce dagli agi della sua vita precedente, Lucy spera di trovare una nuova direzione e di scoprire i segreti di quell’uomo che non rivela niente di sé ma che, ne è certa, nasconde qualcosa di profondo e doloroso. Quello che sicuramente scoprirà, mentre le calde giornate estive si susseguono fra brezze profumate e tempeste improvvise, sarà una passione che potrebbe cambiare la sua vita per sempre...


Una giovane donna in cerca del proprio destino e un uomo ferito, che vuole imparare di nuovo a credere nelle seconde possibilità. Un racconto divertente, commovente, incantevole.

E voi cari lettori cosa ne pensate? Vi lascerete rapire dalla storia di Lucy? A me personalmente intriga tantissimo, non vedo l'ora di scoprire quali segreti e sofferenze nasconde questo misterioso sconosciuto!

Jane

Natalie è divisa tra due uomini che fanno parte della sua vita... chi sceglierà? Venite a scoprire "Conviction" di Corinne Michaels!


Genere: New Adult
Casa editrice: Leggereditore
Prezzo ebook: 4,99€
Prezzo cartaceo: 14,90€
Data di uscita ebook: 13 Ottobre 2016
Data di uscita cartaceo: 27 Ottobre 2016

Trama:

“È qui, davanti a me... vivo. Solo un anno fa, mi sarei venduta l’anima per farlo tornare, e adesso è qui.”

Dopo aver appreso della morte del marito Aaron, marine caduto in missione, Natalie è passata attraverso il dolore e, con fatica, ha ritrovato la luce grazie all’amore per Liam. Aaron però non è morto, e dopo aver lottato per tornare da sua moglie e dalla figlia che non ha mai conosciuto, ora è lì, davanti agli occhi di Natalie, che si ritrova sospesa tra la gioia e l’angoscia. Sì, perché durante la sua assenza, Natalie ha conosciuto un’altra faccia del marito, ha scoperto le bugie che lui le ha sempre raccontato, i tradimenti che le ha nascosto. E soprattutto insieme a Liam ha sperimentato il vero significato dell’amore. Ma ora Liam è deciso a farsi da parte, a sacrificare i suoi sentimenti in nome di ciò che ritiene più giusto: restituire alla piccola Aarabelle la possibilità di crescere con il suo vero padre e permettere a Natalie di ricostruire la famiglia che era andata distrutta. Con i cuori lacerati, incerti se rinunciare a una parte di sé o seguire ciò che sentono, che futuro sceglieranno Natalie e Liam

Che ne pensate cari lettori? A me intriga tantissimo anche perchè se fossi al posto di Natalie non so proprio cosa farei... Forse per amore di mia figlia starei con Aaron, ma così facendo dovrei rinunciare per sempre all'amore...  Non vedo l'ora di scoprire come andrà a finire!

Jane


Un libro sulle gioie e i dolori del primo amore "Petali di me" di Serena Di Caprio

Eccoci con un libro che racconta del primo amore, quante emozioni lascia il primo amore!!!
Sicuramente leggendo "Petali di me" di Serena Di Caprio si potranno rivivere!!!



Editore Fabbri Editori
Data di pubblicazione 27 ottobre 2016
Pagine 280
Prezzo cartaceo 16,00 €
Prezzo ebook 9,99 €

Trama

Il mondo di Azzurra va in pezzi quando scopre che il suo legame con Leo è costruito su una menzogna: il tradimento di lui è un duro colpo, ma ancora di più lo è sapere che il ragazzo che credeva di amare non è mai stato sincero e le ha nascosto un segreto che forse non aveva confessato neanche a se stesso.
Un amore che finisce ti spezza sempre il cuore: ti fa soffrire, sgretola le tue certezze, ti fa piangere fino quasi ad allagarti dentro. Ma quando a ridurti così è la tua prima cotta, l’amico di una vita e il compagno di tante avventure, superarlo appare davvero impossibile.
Dopo Leo, infatti, ogni relazione sembra difficile, e soprattutto sembra difficile poter ricominciare a credere in sé e negli altri.
Eppure ci sono dolori per cui piangiamo, ma che non rimpiangeremo mai. Perché ci fanno comprendere che a volte l’amore è tutto, e a volte non è abbastanza. Che per rinascere bisogna morire. Che prima di piacere agli altri bisogna provare a voler bene a se stessi. E perché sono l’inizio di un cammino che ci
insegna a crescere, a superare le delusioni e a vivere ogni emozione fino in fondo, trasformando le nostre insicurezze in splendide ali di
farfalla. 


Una storia d’amore struggente, raccontata attraverso frammenti di vita, immagini, citazioni e frasi rubate. 


La trama mi piace molto e voi cosa ne pensate??? 


_Katrine_

giovedì 20 ottobre 2016

Ecco un libro che vi farà riscoprire l'importanza dei ricordi!!! "Il colore della gioia" di Diana Rosie

Cari lettori con il libro "Il colore della gioia" di Diana Rosie scopriremo come i ricordi possano farci vivere un fantastico viaggio!!!




Editore Nord
Data di pubblicazione 27 ottobre 2016
Pagine 324
Prezzo cartaceo 16,90 €
Prezzo ebook 9,99 €


Trama

Alberto è un uomo concreto, di quelli che preferiscono concentrarsi sul futuro piuttosto che sprecare tempo a rimuginare sul passato. Anche perché, del suo passato, ricorda ben poco. Non sa nemmeno quando è nato. Un dettaglio poco importante per lui, ma non per suo nipote Tino: quando scopre che nonno Alberto ha «perso» il compleanno, con l'innocenza tipica dei bambini gli propone di andare a cercarlo. Forse per distrarre Tino, preoccupato per il padre ricoverato in ospedale, forse per soddisfare una curiosità mai del tutto sopita, Alberto accetta.
E così, partendo dall'orfanotrofio in cui Alberto ha trascorso l’infanzia, nonno e nipote intraprendono un viaggio attraverso una Spagna che profuma di nostalgia e di brandy, di sole e di occasioni perdute, inseguendo i frammenti di una famiglia separata dalla furia della guerra, ma che non ha mai rinunciato alla speranza di potersi riunire. E, a poco a poco, Alberto si renderà conto che il passato non è affatto un cimitero di rimpianti, e che i ricordi sono come fiori: crescono e sbocciano anche quando meno te lo aspetti, riempiendo la nostra esistenza dei colori della gioia.


Autrice

Diana Rosie ha lavorato per diversi anni come copywriter, collaborando con alcuni dei marchi più popolari al mondo, per i quali ha ideato campagne pubblicitarie premiate dagli esperti del settore. Dopo aver vissuto a Hong Kong, Londra e in Perù, si è infine stabilita nella campagna inglese, dove ha deciso di dedicarsi alla narrativa. Completata la stesura del suo primo romanzo, si è fatta coraggio e ha inviato il manoscritto all’editore MacMillan che, colpito dallo stile dell’autrice e della forza della storia, ha acquistato subito i diritti di pubblicazione del Colore della gioia.


Il colore della gioia è un inno alla memoria e alla speranza nel futuro; perché solo se sappiamo da dove veniamo scopriremo chi siamo veramente e accoglieremo con slancio le sorprese che la vita ha da offrire.



I ricordi ci permetto di viaggiare nel passato ed è fantastico soprattutto se si condivide il momento con qualcuno. 
Fatemi sapere cosa ne pensate!!!

_Katrine_

mercoledì 19 ottobre 2016

WWW... Wednesday #24




Buon pomeriggio lettori! Dopo taaaaanto tempo siamo tornate con la rubrica del mercoledì; quella in cui potrete scoprire quali sono le nostre letture attuali, cosa abbiamo letto e cosa leggeremo!
Pronti??? VIA!
 
 
 
 
GINNY
 
 
 
1) What are you currently reading?
 
 
 
 
Sto leggendo "La piccola erboristeria di Montmartre" di Donatella Rizzati. Molto bello, semplice e, soprattutto, particolare! Lo finirò entro il weekend quindi stay tuned perché presto avrete la recensione!
 
 
 
2) What did you recently finish reading?
 
 
 
 
Ho finito da poco "Cercando Grace Kelly" di Michael Callahan. Mi è piaciuto moltissimo e ve lo stra consiglio. Vi lascio la RECENSIONE così se siete curiosi potete leggere che ne penso!
 
 
 
3) What do you think you'll read next?
 
 
 
 
Finalmente leggerò "Opal", terzo libro della serie Lux di Jennifer L. Armentrout. Voglio leggerlo da tantissimo tempo e finalmente mi si è presentata l'occasione per farlo e non vedo l'ora!
 
 
 
 
 
LUNA
 
 
 
1) What are you currently reading?
 
 
 
 
Sto leggendo "Qualcosa di meraviglioso" di Sarah Morgan perchè ad inizio novembre avremo il piacere di ospitare, nel nostro blog, il blogtour del suo nuovo libro della serie Puffin Island, ovvero Natale a Puffin Island. Inoltre avremo anche il piacere di intervistare Sarah Morgan perciò per fare un ottimo lavoro lo sto ri-leggendo!!!
 
 
 
2) What did you recently finish reading?
 
 
 
 
Domenica scorsa ho terminato di leggere "The Siren" che ho davvero adorato come qualsiasi libro di Kiera Cass. Come avrete letto nella mia RECENSIONE mi ha davvero colpita nonostante sia molto diverso dall'altra serie. Ho terminato da poco anche di leggere l'ultimo libro della serie Calendar Girl che è una delle poche serie che negli ultimi anni è davvero riuscita a rapirmi e a farmi innamorare dei suoi personaggi. Mia e Wes sono davvero irresistibili e non si riesce proprio a staccarsi dalle pagine di questa seire, non sapete quanto mi dispiace averla terminata, vorrei che continuasse ancora e ancora da quanto mi è piaciuta!!! Ultimo libro che ho letto è anche il libro di un autrice emergente di cui a breve potrete leggere la recensione ed una piccola intervista. Devo dire che è stata una piacevole scoperta, mi ha colpita molto. Devo dire che questi ultimi libri mi hanno soddisfatta parecchio!!!!
 
 
 
3) What do you think you'll read next?
 
 
 
 
 
I  libri che vorrei assolutamente leggere a breve sono "Shadow Magic", la nuova uscita della DeAgostini sulle orme di Harry Potter che mi incuriosisce tantissimo e che non vedo l'ora di poter iniziare prestissimo! "The Rogue" perché devo terminarne la lettura dovendo ospitare a metà novembre il blogtour del terzo libro della serie The Soldier e "Aspettando te" perché AMO follemente la Probst e da quando è uscito il nuovo libro non riesco a fare a meno di pensare a quanto vorrei leggere in fretta il libroooooo!!! Già, sarà un mese bello ricco non è vero???
 
 
 
 
 
JANE
 
 
 
1) What are you currently reading?
 
 
 
 
Sto leggendo "La biblioteca delle anime", l'ultimo volume della trilogia dei bambini speciali, che sto adorano, ovviamente!!!
 
 
2) What did you recently finish reading?
 
 
 
 
Ho appena finito si leggere "L'allieva segreta del pittore" che mi è piaciuto tantissimo! É un po' lento a partire e in alcuni punti, ma veramente in pochi. L'ho trovato un po' ovvio, ma verso la metà è diventato troppo carino!
 
 
 
3) What do you think you'll read next?
 
 
 
 
Vorrei leggere "La collezionista di libri proibiti" che mi incuriosisce tantissimo, anche se ho il timore che non sia bello come mi aspetto!
 
 
 
 
VIRGINIA
 
 
 
1) What are you currently reading?
 
 
 
 
Ho appena finito di leggere Ten Things I love about you e devo dire che come tutti gli altri libri della Quinn l ' ho davvero adorato.
 
 
 
2) What did you recently finish reading?
 

 
 
Sono ormai arrivata a leggere le ultime pagine de Le scarpe rosse di Johanne Harris e devo dire che è un libro molto particolare. A breve potrete leggere la mia recensione sul blog!!!
 
 
 
3) What do you think you'll read next?
 
 
 
 
Il prossimo libro che leggerò sarà sicuramente Feline di Sarah Bianca! Il 22 Ottobre andrò anche alla presentazione del libro a Napoli e avrò il piacere di conoscere ed intervistare l'autrice!! Perciò restate connessi con il nostro blog per saperne sempre di più!!
 
 
 
 
 
 
 
Queste erano/sono le nostre letture! Avete letto qualcosa? Che ne pensate?
 
 
 
 
 
 
*Ginny*

Recensendo The Siren: Madre o figlia? Mitologia o realtà?




Buon giorno miei cari lettori! 

Ecco che come promesso vi propongo la mia recensione su The Siren di Kiera Cass, come sicuramente saprete è uscito da noi in Italia proprio ieri, ma ho avuto già il piacere di leggerlo ed apprezzarlo sia in lingua inglese sia in italiano grazie ad un anteprima della casa editrice che ricordiamo essere la Sperling & Kupfer.



Kiera Cass ormai non ha bisogno di presentazioni, divenuta un'autrice di successo in seguito all'uscita della serie The Selection (di cui ormai sapete che sono un appassionata cronica) ora è tornata in libreria con un nuovo libro The Siren, un libro autoconclusivo che aveva già autopubblicato nel 2009. Ha deciso infatti di ritirare la vecchia copia modificandola e riscrivendola per questa seconda edizione. Non posso non confessarvi che ora che ho ultimato questa lettura vorrei davvero trovare il tempo di leggere il libro nella sua fase embrionale per capire quanto realmente la scrittrice sia cambiata negli anni. Sicuramente la sua scrittura è cambiata ed è decisamente migliorata dando all'autrice grandi possibilità di diventare nel futuro un grande nome. Io già l'adoro ma secondo me da una penna del genere può uscire molto di più, spero sopratutto che inizi a pubblicare libri più lunghi e meno frettolosi perchè come in The Selection anche in questo libro ho potuto evidenziare la stessa pecca, 300 pagine sono davvero poche per poter scoprire ogni cosa di un libro e potersi davvero immedesimare nella storia e in ciò che questa può trasmettere. Certe volte come nel finale di questo libro sensazionale senza ombra di dubbio si è vista ancora una volta questa sua tendenza, ma si è fatta perdonare nelle descrizioni di sensazioni e momenti dove è davvero brava a farti immedesimare nel personaggio.

Il libro parla di Kahlen, una ragazza divenuta sirena 80 anni prima a soli 19 anni per mano di Oceano. La divinità del Mare, una specie di Tritone che impersona l'anima del mare e che necessita di nutrirsi di uomini seminando naufragi con l'aiuto delle sirene al suo seguito. In questi anni si stanno sviluppando sempre di più i libri legati alla mitologia e questo sicuramente tratta il mito delle sirene in modo davvero molto particolare. Kahlen non si è davvero mai ambientata a vivere questa vita nella quale è obbligata a portare morte e desolazione. Lei alla fine è una ragazza molto dolce che ha come unico desiderio potersi sposare ed avere una famiglia. Al termine dei 100 anni al servizio di Oceano potrà farlo e davvero non aspetta altro, ogni naufragio le pesa sempre di più. 


A farle compagnia in questo viaggio vi sono le sue sorelle Maika, Elizabeth e Padma ognuna con una caratteristica che la distingue della altre rendendola speciale. Oceano non sceglie secondo un criterio le sue "figlie" eppure nel libro sembra diversamente. Maika è una brava pittrice, Elizabeth è una grande biricchina e Padma è tutta da scoprire essendo l'ultima arrivata. Non volendo farvi nessuno spoiler non vi racconto niente su di loro se non che mi sono davvero piaciute moltissimo e il rapporto tra di loro e quello che Kahlen instaura con Oceano sono forse la cosa che più mi è piaciuta del libro. Perfino di più della storia d'amore con Akinli. Kiera ha questa grande capacità di riuscire ad inseire nel libro riflessioni nascoste rendendolo un libro profondo quando all'apparenza potrebbe sembrare solamente un semplice libro per ragazzi.

Questo rapporto che Kahlen instaura con tutti loro è sicuramente qualcosa di potente che poi l'aiuterà anche nel suo sogno di trovarsi un compagno. Akinli mi è piaciuto molto anche se mi è sembrato un pò lo sfigato della situazione, molto diverso dal solito quando il protagonista è un immancabile maschilista. Questa volta invece è un ragazzo dall'animo buono e dolce che inavvertitamente si affeziona subito alla nostra protagonista, vedendo in lei non solo l'apparenza ma anche il suo IO piu nascosto.




Oceano invece mi è piaciuta di più, lo so la tratto come se fosse una protagonista ma infatti è così a mio avviso rappresenta proprio una madre per tutte le ragazze. Come tutte le madri ha una sua preferenza tra le figlie non volendo alle altre meno bene però, solamente non sempre è capace di dimostrarlo dimostrandosi odiosa ed astiosa in certe situazioni. In alcuni momenti mi sono potuta rivedee in Oceano e nelle sue figlie perchè anche io me ne sono andata per seguire i miei sogni e desideri lasciando mia madre a casa, e a volte può capitare che ad una madre questo pesi e cerchi di tenere una figlia attaccata a lei in modo quasi maniacale. Credo sia una cosa molto normale di quasi tutte le madri che vedono andare via un figlio.

Da amante dell'acqua e del mare a volte vorrei anche io potermi stendere nel mare e farmi cullare dalla sua dolcezza e dal suo amore proprio come fa spesso Oceano con Kahlen quando è triste, stanca, strana o ha semplicemente bisogno di una coccola. 



Mi è piaciuto moltissimo il modo in cui Kiera ha descritto gli abiti che indossano facendomi tornare indietro nel tempo a quando guardavo le serie tv sulle sirene come Marmaid Melody (un cartone) e H2O che non sono mai riuscita a dimenticare perciò dai devo dare questo merito a Kiera che ancora una volta è riuscita a portarmi alla mente memorie sopite nel tempo tramite i suoi libri. 



Tirando le somme devo assolutamente consigliarvelo! Se vi aspettate qualcosa di favoloso come The Selection probabilmente non lo troverete perchè i due libri sono davvero molto diversi ma sono sicura che riuscirà in ogni caso a rapirvi e a tenervi legati alle pagine del libro proprio come è capitato a me. Non aspettavo altro! Ho passato un intero weekend chiusa in casa a leggere pur di sapere come sarebbe finito e posso dire che questa volta sono davvero contenta che sia autoconclusivo perchè siamo riusciti ad arrivare fino in fondo nella loro storia, anche se come al solito a volte Kiera lascia delle informazioni in sospeso lasciandoti il dubbio e il desiderio di altro dopo....


Il mio voto è sicuramente 



E non posso fare a meno di consigliarvelo!!! Mi raccomando correte a comperarlo e se avete intenzione di prenderlo su Amazon passate da noi!!!! Saremo davvero felici di aiutarvi!!

Intanto pensiamo già alla prossima uscita ovvero il Coloring Book in uscita a Gennaio!!! Io non stò nella pelle anche se non sono molto brava a colorare ma per The Selection posso fare un eccezione che ne dite???




Luna

giovedì 13 ottobre 2016

HistoricalTour sulla famiglia de Medici! Ecco la nostra tappa!!!

Benvenuti cari lettori a questa nuova tappa di questo HistoricalTour sulla famiglia de Medici! Oggi vi parlerò un pò di intrighi di potere, malelingue e tradimenti,raccontandovi la storia di due donne appartenute a questa importantissima famiglia!

ISABELLA DE MEDICI


Isabella nasce il 31 Agosto del 1542, figlia del Granduca di Toscana Cosimo I de' Medici e di Eleonora di Toledo. Alla tenera età di 11 anni il destino di Isabella è già scritto: andrà in sposa a Paolo Giordano I Orsini, duca di Bracciano. Le nozze si svolgeranno nel 1558, quando la giovane ha appena 16 anni; al suo carattere gioviale e disinvolto si contrappone quello del marito, un uomo spesso definito impulsivo, cinico e scialacquatore. Nonostante il matrimonio forzato Isabella era una donna di grande bellezza e fascino; fu molto corteggiata e venne definita la “stella di casa Medici". Nonostante fosse legata ad un donnaiolo dal carattere molto dubbio, Isabella era straordinaria: parlava correntemente diverse lingue, suonava, cantava, componeva versi e aveva trasformato la sua villa di Poggio Imperiale in un vero e proprio salotto letterario. "La più saggia di Florentia e la più bella” così Filippo di monte la descrisse nel madrigale composto per le sue nozze. Ma la sua vita non era semplice come poteva sembrare. Il marito a causa dei viaggi di lavoro era spesso lontano da Firenze, e Isabella era sorvegliata da cugino del marito, Troilo Orsini. Ma si sa che questi rapporti non finisco mai bene; infatti tra i due si instaurò un rapporto fin troppo affettuoso. Troilo, il cui compito era di vegliare sulla donna prese troppo seriamente il suo incarico e Isabella ne fu più che felice. Tra i due scoppia una passione incontrollabile che infiammò i loro animi; una passione che però era proibita e che poteva avere conseguenze fatali per entrambi. E così fu perché Paolo, una volta scoperta l’infedeltà della moglie volle vendicare l’orgoglio ferito; molte fonti però raccontano che non si trattò di solo di orgoglio. Paolo si era infatti innamorato di Vittoria Accoramboni, nobildonna italiana, e i due insieme iniziarono a tramare l’omicidio di Isabella e quello del marito di Vittoria, Francesco Fedretti. Paolo Orsini, il 15 Luglio 1576, ordinò alla moglie di raggiungerlo nella villa di Cerreto Guidi. Qui, dopo aver cenato, i due si recarono nella Camera nuziale per quella che non fu di certo una notte d’amore. Paolo uccise Isabella tramite un laccio legato intorno alla gola dallo stesso, ma stretto da un sicario appostato. Pochi giorni prima in casa Medici era già stato versato del sangue: l'assassinio di Eleonora di Toledo da parte del marito Pietro de' Medici, colpevole di averlo tradito con un paggio di corte. Fu probabilmente in quel periodo che vennero messe in circolazione ad arte le dicerie di incesto tra Isabella con il padre e col fratello prediletto Giovanni. Paolo, una volta sbarazzatosi della moglie fece uccidere anche Francesco Fedretti, riuscendo così a sposare Vittoria dopo due anni. Si narra che lo spirito di Isabella, screditata e brutalmente assassinata, non abbia mai trovato pace e che si aggiri ancora inquieto nella villa medicea di Cerreto Guidi.


CATERINA DE MEDICI.

Caterina de' Medici nasce il 13 aprile 1519, ma la madre morì pochi giorni dopo averla data alla luce e il padre, malato da tempo, la seguì presto. Caterina, rimasta sola, fu cresciuta da sua nonna, ed si ritrovò ad essere l’unica erede della fortuna dei Medici. Viene quindi promessa in sposa al figlio di Francesco I di Francia, Enrico, alla giovane età di 14 anni. Lontana da Firenze, andò in Francia dove venne umiliata dal marito che preferiva l’amante Diana di Poitiers e dove per la corte rimase sempre e comunque «la straniera». La sua vita fu un groviglio di intrighi politici, doppi giochi e tradimenti. Gli avversari l'accusavano di tergiversare tra i partiti e persino di creare la discordia per regnare meglio. In realtà Caterina de' Medici non si fidava di alcun partito e passò la sua vita a cercar di contenere le loro ambizioni per mettere in luce solamente il re. La leggenda nera che la circonda l’ha trasformata in un mostro sanguinario e assetata di potere. Fu accusata di essere una donna dedita alla magia pur di conseguire i suoi scopi ( a causa dei suoi rapporti con Nostradamus), di essere una manipolatrice, un’assassina, una donna crudele e malvagia. Ma Caterina fu una donna eccezionale; prima regina, poi reggente di Francia, lottò per le guerre di religione si combatterono in Francia negli anni del suo regno, fu in realtà una delle più valide sovrane di Francia, sostenitrice anche della tolleranza civile. Considerava far rispettare la monarchia e salvaguardare l'integrità del regno come suo dovere, per questo fu spesso demonizzata. Caterina de’Medici era in realtà una regina amabile e attenta al benessere dei propri sudditi, regnava con il cuore. Nonostante tutto la maggior parte degli storici ancora la dipinge come una strega assetata di potere, una cinica manipolatrice....

Allora cari lettori, che ne dite, vi hanno colpito queste due storie? Ho deciso di raccontarvi queste storie per diversi motivi; ho scelto Isabella perché volevo raccontare la storia di una fantastica donna rimasta vittima delle passioni, e Caterina perchè sebbene abbia sempre cercato di fare la cosa giusta per il regno sia stata sempre dipinta come un mostro calcolatore. Entrambe sono appartenute alla famiglia de Medici, che non solo ha fatto la storia d'Italia, ma anche d'Europa!

Ormai qui siamo giunti al termine, spero che questa tappa vi sia piaciuta! Per coloro che si sono collegati con noi solo ora vi lascio il link con la spiegazione per partecipare a questo HistoricalTour e quello per il giveway! 


a Rafflecopter giveaway

Jane